Il tribunale di New York vuole sapere quanto guadagna Mick Jagger

Il tribunale di New York vuole sapere quanto guadagna Mick Jagger
L’esaminatore dei casi in cui sono coinvolte le famiglie di un tribunale di New York ha ordinato a Mick Jagger di dichiarare i propri guadagni per poter stabilire l’esatto importo che dovrà versare alla modella brasiliana Luciana Morad per il sostentamento del loro figlio. Lo storico rocker, sempre attento alle questioni finanziarie, vorrebbe “limitare i danni” a 5600 dollari al mese, mentre la Morad insiste per riceverne trentacinquemila. Gli avvocati di Jagger avevano in precedenza sostenuto che il loro cliente non avrebbe dovuto rivelare i propri introiti in quanto non cittadino newyorkese, ed hanno ora annunciato che presenteranno appello contro tale decisione. Il figlio della coppia, Lucas, ha ora 14 mesi di vita.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.