Hank Barry (Napster): 'Pronti a collaborare con le case discografiche'

La Corte d’Appello di San Francisco che all’ultimo minuto ha graziato Napster dalla minaccia di chiusura, sospendendo il decreto emesso dal giudice Marilyn Hall Patel (vedi news), ha dato tempo fino al 18 agosto alla società californiana per presentare una difesa nei confronti delle ricorrenti, le case discografiche aderenti alla Recording Industry Association of America (RIAA); quest’ultima, a sua volta, avrà tempo fino all’8 settembre per replicare con le proprie memorie scritte. Intanto, mentre il confronto tra il sito più controverso del web e l’industria discografica minaccia di protrarsi per diversi mesi ancora prima di arrivare a un verdetto finale, arrivano i primi commenti dalle parti in causa. L’industria discografica ha naturalmente accusato il colpo, a soli due giorni dai proclami entusiasti che avevano accompagnato la decisione del giudice Hall Patel: “E’ frustrante pensare che decine di milioni di violazioni dei nostri diritti possano continuare ad avvenire quotidianamente attraverso Napster. Non vediamo l’ora che si ponga fine definitivamente a questi comportamenti illeciti”, ha chiosato con una nota scritta Hilary Rosen, presidente della RIAA. Confortati dalla parziale vittoria, i responsabili di Napster porgono invece l’altra guancia: “Il servizio che noi forniamo è pienamente compatibile con gli interessi dell’industria e con le case discografiche vogliamo trovare una soluzione negoziale”, ha ribadito Hank Barry, amministratore delegato della società di base nella Silicon Valley. Ma il numero uno dei legali di Napster, il celebre David Boies, ha avvertito che “se la RIAA vuole uccidere il nuovo medium, noi non ci faremo tranquillamente da parte. Siamo intenzionati a lottare”. Intanto Keynote Systems, una società che rileva il traffico sui siti internet, fa sapere che nelle ore successive alla ingiunzione di chiusura disposta dal giudice di San Francisco gli accessi a Napster sono stati quindici volte superiori alla media.
Dall'archivio di Rockol - Album italiani: le copertine più belle di sempre
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.