EMI come BMG e Warner: accordo fatto con MP3.com

Seguendo l’esempio di BMG e Warner Music, anche la EMI ha raggiunto un patto extragiudiziale con MP3.com, uno dei bersagli grossi dell’industria discografica nella lotta alla diffusione non autorizzata di musica su internet. I termini economici dell’accordo non sono stati rivelati, ma sulla base dei contratti firmati con le altre due major si ritiene che la società di Michael Robertson si sia impegnata a pagare 20 milioni di dollari a titolo di risarcimento danni e a corrispondere una tariffa fissa per ogni canzone del catalogo EMI caricata sul database nonché per ogni atto di consumo, e cioè di ascolto in streaming, registrato sul sito del servizio. L’accordo non è esclusivo, e lascia alla EMI facoltà di licenziare il suo repertorio per lo streaming a qualunque altro operatore; le due restanti major discografiche, Sony Music e Universal, sono anch’esse in trattative con MP3.com.
Music Biz Cafe, parla Andrea Rosi (Sony Music Italy)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.