Spotify in Usa, anche Universal sta per firmare?

La Reuters rilancia le voci di un accordo di licenza imminente tra Spotify e Universal Music, in vista del debutto nordamericano del servizio di streaming “freemium” sviluppato dallo svedese Daniel Ek. Questione di dettagli e di poche settimane, scrive l’agenzia di stampa, dando praticamente per scontato l’esito positivo della trattativa (confermata da fonti Universal).

Con la leader di mercato a bordo, e nel cassetto contratti (peraltro mai ufficialmente confermati) con Sony Music ed EMI, Spotify potrebbe finalmente entrare in azione negli Stati Uniti anche senza aspettare di chiudere accordi con le etichette indipendenti e con Warner Music. Il ceo di quest’ultima, Edgar Bronfman Jr., ha peraltro recentemente corretto le sue valutazioni su  Spotify, dicendosi convinto che già nel corso del 2011 i servizi di streaming rappresenteranno una fonte di ricavi significativa per l’industria discografica.

 

Dall'archivio di Rockol - Dieci gruppi italiani dai quali ci si potrebbe aspettare una reunion
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.