MP3Board all'industria: 'rimuovete voi i files illegali'

La controffensiva delle case discografiche comincia evidentemente a impaurire i siti americani che promuovono lo scambio e la circolazione gratuita di MP3 in rete. Prima è Michael Robertson, deus ex machina del celebre e osteggiatissimo sito MP3.com, ad assumere pubblicamente una clamorosa presa di posizione anti-Napster e pro-industria. Poi è la stessa Napster ad annunciare un accordo di collaborazione con la software company Liquid Audio per consentire una remunerazione degli artisti il cui materiale circola liberamente in rete. E ora tocca al terzo grande accusato, MP3Board (che gestisce una grande banca dati di link a pagine web e files musicali disponibili in rete) proporre una soluzione di compromesso all’associazione dei discografici RIAA, con la quale sta battagliando da tempo nelle aule dei tribunali. La società americana ha infatti annunciato di avere sviluppato un nuovo software, LinkBlaster, che consentirà ad artisti, editori musicali e case discografiche di aprire un “account” personale sul sito, di controllare in tempo reale i contenuti del database di MP3Board, ed eventualmente di rimuovere in automatico i link ai siti che piratano illecitamente materiali di loro proprietà. MP3Board propone anche di utilizzare la stessa tecnologia, opportunamente modificata, per monitorare la presenza di files musicali illegali su altri siti e motori di ricerca presenti sulla rete. “Non ci sarà più bisogno di rovesciare tonnellate di carta bollata su un sito, come i Metallica hanno fatto con Napster, per richiedere la rimozione di un servizio da internet”, ha detto l’amministratore delegato di MP3Board Lars Mapstead: se accetteranno la proposta, con LinkBlaster saranno le stesse etichette discografiche ad assumersi in prima persona il ruolo di “poliziotti della rete”, con la facoltà di eliminare automaticamente i “corpi del reato”.
Dall'archivio di Rockol - Gli album essenziali del rock italiano anni Novanta
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.