Bertelsmann, 245 miliardi di lire in contanti per comprare CDNow

Centodiciassette milioni di dollari (oltre 245 miliardi di lire) sul piatto, subito, per sanare i debiti d’impresa e acquisire il pieno possesso della società: con questa offerta pronta cassa Bertelsmann, società madre della casa discografica BMG, si è aggiudicata (salva opposizione degli azionisti) la proprietà del celebre store elettronico CDNow, da tempo in cattive acque. Bertelsmann ha accettato di pagare 3 dollari per ogni azione CDNow, un valore superiore rispetto alla quotazione (2,88 dollari) che il titolo aveva in borsa il 19 luglio, il giorno prima dell’annuncio. I gemelli Jason e Matthew Olim, fondatori dell’impresa, riceveranno circa 17,4 milioni di dollari in cambio del loro pacchetto azionario, equivalente al 17 % del capitale. Come prevedibile, CDNow manterrà in vita il suo marchio (il più noto, insieme ad Amazon, nel settore del commercio elettronico di musica) ma verrà incorporata a tutti gli effetti nella divisione e-commerce del gruppo tedesco,: con l’obiettivo, hanno spiegato i portavoce di Bertelsmann, di diventarne il motore trainante non solo per quanto riguarda il mail order elettronico ma anche nei servizi di streaming e di download digitale, nonché nella distribuzione di musica su reti a banda larga e attraverso portatili. I dirigenti di CDNow avevano ammesso recentemente di essere alla disperata ricerca di capitali e di denaro liquido, senza i quali non sarebbe stato possibile proseguire l’attività oltre l’autunno prossimo. Alla società si erano interessate anche altre due major, Sony e Warner Music, che attraverso la loro joint venture commerciale Columbia House avevano cercato di dar vita una fusione con CDNow, poi sfumata.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Paolo Salvaderi (Radio Mediaset)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.