MP3Board ribatte ai discografici americani: 'con i pirati non c'entriamo'

MP3Board, web company americana che offre link in rete a siti, motori di ricerca e directory di argomento musicale (nessuna parentela con la più celebre MP3.com), ha ribattutto alle accuse dell’associazione dei discografici statunitensi, RIAA, presentando ai giudici federali californiani, il 18 luglio, un controricorso in cui chiede di essere scagionata da ogni accusa di corresponsabilità nella violazione dei diritti d’autore: secondo la tesi sostenuta dai suoi legali, la società non può essere ritenuta colpevole di infrazione dei copyright neppure quando i siti “linkati” contengono materiale piratato. Di parere contrario, ovviamente, la RIAA, che in aprile era riuscita a far chiudere il sito per alcuni giorni.
Music Biz Cafe, parla Francesca Trainini (PMI, Impala)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.