Sanremo 2011: Patty Pravo in sala stampa

Sanremo 2011: Patty Pravo in sala stampa

"A me sembra che ieri si a andato bene, anche se non si sentiva la voce" esordisce Patty Pravo, che seduta al tavolo delle conferenze stampa è la solita Nicoletta Strambelli: aerea, distratta, ma anche concreta ("piuttosto che fare dieci passaggi televisivi che non servono a nulla meglio venire qui ed essere visti da un sacco di persone"). Sfugge alle domande precise, e quando si tocca il tema della narrazione erotica che è il tema della sua canzone rivela: "Non ero convinta di quel pezzo, l'ho cantato mentre stavo uscendo, avevo già la borsa a tracolla, mi sembra sia venuto bene, no? Io avrei preferito venire a Sanremo con un pezzo rock come 'La vita è qui', che è conteuto nell'album".

"Il disco di Patty è tendenzialmente più rock di questa canzone" anticipa Diego Calvetti, che dell'album "Nella terra dei pinguini" è il produttore "che a mio avviso diventa erotica perché e per come la interpreta questa icona della canzone italiana".

"Non ho sentito quasi nessuno degli altri pezzi" riprende la Pravo "ho ascoltato solo quello di Al Bano alle prove, e non mi è parso male, per l'arrangiamento".

"Nella terra dei pinguini si vive benissimo, ci si sente liberi, la televisione non parla di economia, e non sono costretta a leggere i giornali partendo dalla ventesima pagina" prosegue Patty, mentre Calvetti rivendica analogie tematiche fra il suo testo per "Il vento e le rose" e la canzone sanremese di Roberto Vecchioni.

Segue un'inutile e fatidiosa polemica fra la segretaria personale della Pravo e alcuni dei giornalisti in sala stampa, alla quale Patty assiste imperterrita prima di intonare "Nella vecchia fattoria" a gran voce e andarsene come una vera star.

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.