Marina And The Diamonds dalla polizia, rubati i nuovi pezzi

Marina And The Diamonds dalla polizia, rubati i nuovi pezzi

Marina Lambrini Diamandis, amministratrice unica del marchio Marina And The Diamonds, si è rivolta alla polizia dopo aver visto online i pezzi che aveva composto per il suo prossimo album. La 25enne gallese dalle origini greche ha scoperto il "leak" pochi giorni fa ed ora annuncia che il disco non potrà che slittare. "Il pensiero che c'è gente che invade la mia privacy e che ascolta delle canzoni non complete e buttate lì, roba che ho scritto alle tre di notte sul tour bus, non mi fa certo rilassare e neppure aiuta la mia creatività", ha detto. L'artista, cresciuta nel piccolo villaggio di Pandy nel Monmouthshire gallese, ha aggiunto d'essersi rivolta alle forze dell'ordine, che a questo punto il suo nuovo album non potrà uscire quest'anno, e infine si è appellata ai propri fan chiedendo loro di aiutarla identificare gli hacker. Il disco, "Die life", era stato inizialmente programmato per il prossimo ottobre.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.