Artists Against Piracy, una lobby per la musica digitale

“Se una canzone significa tanto per te, immagina cosa significa per noi”. E, a seguire, una lista di 68 nomi illustri, tra cui quelli di Alanis Morissette, Blink 182, Bon Jovi, Bryan Adams, Christina Aguilera, Hanson, Herbie Hancock, Queen. E’ il “manifesto” della neonata coalizione Artists Against Piracy (AAP), apparso in forma di inserzione pubblicitaria a piena pagina sui maggiori quotidiani statunitensi martedì 11 luglio, proprio nel momento in cui artisti come Lars Ulrich dei Metallica e Roger McGuinn discutevano al Congresso americano dei delicati rapporti tra evoluzione della musica digitale e tutela dei copyright. “La missione di Artists Against Piracy è di dare voce collettiva agli artisti sul tema della distribuzione digitale della musica”, spiega il portavoce della coalizione Noah Stone (lui stesso musicista e imprenditore online) nel comunicato di presentazione dell’iniziativa, che fa il paio con l’analoga Future of Music Coalition costituita il mese scorso. Timori e aspettative avanzate da AAP sono gli stessi espressi dalla maggior parte della comunità artistica internazionale negli ultimi mesi: e si sintetizzano in un atteggiamento di apertura nei confronti delle opportunità create dallo sviluppo delle nuove tecnologie, a condizione che agli artisti venga riconosciuto il diritto di scelta e di autodeterminazione: “il controllo creativo e il diritto a un compenso economico per le iniziative su internet che utilizzano i nostri repertori – ha detto Stone - sono questioni cruciali perché riguardano le nostre carriere, le nostre vite e il nostro futuro. Ed è nostro diritto decidere se e in che modo diffondere la nostra musica su internet”.
Dall'archivio di Rockol - 1991, l'ultimo anno d'oro del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.