E’ morto Michael Koda, chitarrista dei Brownsville Station

E’ morto Michael Koda, chitarrista dei Brownsville Station
Il cantante-chitarrista Michael "Cub" Koda, che negli anni Settanta fece parte del gruppo rock dei Brownsville Station, è morto sabato 1 luglio, all’età di 51 anni, per delle complicazioni insorte a seguito di una insufficienza renale. Cub Koda formò i Brownsville Station con il chitarrista Michael Lutz, il batterista T.J. Cronley e il bassista Tony Driggins nel 1969, a Detroit. Koda è autore della maggior parte delle canzoni del gruppo, incluso il loro brano più celebre "Smokin' in the boys' room", hit del 1973 che ha venduto più di 2 milioni di copie, arrivando al terzo posto nella classifica dei singoli di Billboard. Una canzone riportata agli onori delle classifiche nel 1985 dai Motley Crue. I Brownsville Station si sciolsero nel 1979: negli anni Ottanta e Novanta, Koda ha suonato con altre band e ha pubblicato alcuni album solisti di rockabilly e blues. Nel 1998 è stato coautore del libro “Blues for dummies”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.