NBC Universal: su Internet un quarto del traffico riguarda file pirata

NBC Universal: su Internet un quarto del traffico riguarda file pirata

Un nuovo studio condotto dalla media company NBC Universal  in collaborazione con la società di ricerche inglese Envisional sottolinea una volta di più il peso che la circolazione illegale di musica, film e giochi assume nel complesso delle attività effettuate in Rete: il 23,76 % di tutto il traffico Internet sviluppato nel mondo avrebbe infatti per oggetto lo scambio di materiali piratati. L’indagine estende lo sguardo a tutti i canali di distribuzione di contenuti illegali: da essa risulta che i siti P2P e Torrent assorbono il 17,9 % dell’intero traffico telematico veicolando musica, film,  programmi tv e videogames per il 63,7 % illegali; mentre i cyberlocker come RapidShare e MegaUpload concentrano il 3 % del traffico complessivo, rimandando con i loro link a film (35,8 %), canzoni (10,1 %) e giochi (9,4 %) in grande maggioranza di origine pirata. Nel computo rientrano anche servizi di video streaming come YouTube, che diffondono prevalentemente contenuti legali ma non solo:  “Il video streaming è l’area di maggior crescita di Internet, cui recenti stime attribuiscono più di un quarto del traffico globale della Rete” osserva il rapporto di NBC Universal, sottolineando che la grande maggioranza dei file diffusi attraverso la piattaforma risulta essere legittima, mentre “il 5,3 % (pari all’1,4 % del traffico Internet totale) è costituito da contenuti protetti da copyright e diffusi illecitamente”.

Sul tema della pirateria, YouTube ha incassato lo scorso anno una sentenza favorevole contro il gruppo Viacom: appellandosi alle norme contenute nel Digital Millennium Copyright Act, i giudici americani ne hanno escluso la corresponsabilità nella violazione di copyright fintanto che il sito provvede a rimuovere tempestivamente i contenuti illeciti su richiesta dei legittimi titolari. Molto più controversa la posizione di cyberlocker come RapidShare, che un tribunale tedesco ha assolto dall’accusa di non intervenire in misura sufficiente contro gli scambi illegali, ma che indagini recenti come quella di MarkMonitor indicano come ricettacolo principe della pirateria telematica: i responsabili del sito, così come quelli di MegaUpload, hanno minacciato querela per diffamazione.

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.