EMI e Citigroup: le indies dicono "no a nuove fusioni'

EMI e Citigroup: le indies dicono "no a nuove fusioni'

Tra le prime reazioni alla notizia del trasferimento di proprietà della EMI da Terra Firma a Citigroup si segnala quella di Impala, associazione internazionale di etichette indipendenti il cui roster artistico globale comprende nomi come Radiohead, Arctic Monkeys, Manu Chao, Katie Melua, Franz Ferdinand, Prodigy e Placebo. L’organizzazione delle indies valuta le possibili conseguenze del passaggio di mano dichiarandosi assolutamente contraria a nuove concentrazioni di mercato (Warner Music e BMG Rights, ma anche Sony Music e Universal, hanno già manifestato interesse per la EMI o parti di essa), e dicendosi sicura che ogni tentativo di fusione o incorporazione incontrerà forti ostacoli in Europa da parte dell’Antitrust. 

Già in passato, sottolinea Impala in un comunicato, “la Commissione Europea ha formalmente riconosciuto che le regole concorrenziali devono riequilibrare il terreno di gioco a favore delle indipendenti, essenziali nel garantire diversità culturale e reale scelta al consumatore nonché per il successo dei nuovi servizi online”. “Anche un tentativo di fondere EMI e Warner”, sostiene il presidente esecutivo dell’associazione Helen Smith, “verrebbe bloccato a meno della messa in atto di rimedi sostanziali atti a controbilanciare l’impatto sulla concorrenza”.

E’ noto che la banca di investimenti Citigroup intende liquidare la EMI e uscire dal music business. Ma chi progetta una fusione con la major, secondo Impala, non tiene conto di tre elementi essenziali: “In primo luogo, gli scenari della tutela della concorrenza sono completamente cambiati. In secondo luogo, tutti i merger precedenti hanno dimostrato che la concentrazione non è la risposta giusta alle sofferenze del sistema musicale. In terzo luogo, le piccole e medie imprese del settore stanno già soffrendo non solo a causa della crisi ma anche perché l’eccessiva concentrazione rende loro difficile l’accesso al mercato”. 

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.