Andrea Dulio: un italiano tra Liam e Noel Gallagher

Andrea Dulio: un italiano tra Liam e Noel Gallagher

L’uomo capace di mediare tra Liam e Noel, i due litigiosissimi fratelli Gallagher, è un italiano. Si chiama Andrea Dulio, ha lavorato in EMI e (per diciassette anni) alla Sony.

E oggi segue, in Italia e non solo, il marketing, la promozione e la comunicazione di tutto quanto attiene al “mondo Oasis”: lo fa nell’ambito di una società di management torinese, la Compact srl di Mario e Zenjiro Miyakawa, che dallo sport (cliente numero uno Alessandro Del Piero, idolo e amico personale di Noel) ha deciso di allargare il raggio d’azione all’entertainment. Calcio e musica, le passioni dei Gallagher: “Ci conosciamo dal 1994, l’anno in cui dalla EMI passai alla Sony”, racconta Dulio. “Ho cominciato a lavorare per loro in occasione dell’uscita del primo singolo. In seguito, dalla relazione professionale è nata una vera amicizia: con tutti e due i fratelli, indistintamente. Quando il rapporto con Sony è finito, sono stati loro a chiamarmi per affidarmi la gestione dei loro interessi in Italia. A quel punto ho pensato di coinvolgere i fratelli Miyakawa,  che avevo conosciuto quando con Del Piero realizzai compilation e altri progetti musicali”.  .

Facendo continuamente la spola tra l’Italia e l’Inghilterra, Dulio lavora  alacremente, di questi tempi, sul progetto Beady Eye (nella foto), la nuova band di Liam con un disco in uscita a fine febbraio su etichetta Big Brother e distribuzione Self (“una società indipendente e credibile, come piace a loro”) e un concerto in programma all’Alcatraz di Milano il 16 marzo. “In seguito”, aggiunge, “mi occuperò anche del nuovo progetto solista di Noel. Ma intanto seguo anche tutte le loro attività extradiscografiche. Come il film sugli ultimi anni dei Beatles che Liam ha prodotto ricavandolo dal libro di Richard DiLello ‘The longest cocktail party’. O la sua linea di abbigliamento Pretty Green (il titolo è quello di una canzone dei Jam, Paul Weller collabora attivamente alla venture), votata miglior nuovo brand d’Inghilterra: dopo i negozi aperti in Inghilterra toccherà presto anche all’Italia”. 

Altri clienti in vista? “Non lo escludo, ma il motto di Compact Entertainment è fare poche cose e bene, con gente che ci piace e che conosciamo.  Con Noel e Liam funziona perché sono i primi a basare il rapporto professionale su una relazione di amicizia: anche se si tratta di artisti di grande fama internazionale, con loro è un po’ come lavorare in famiglia, con gente del posto”. E i famosi litigi? “Oggi, a dispetto delle notizie che sono circolate sulla stampa, è un momento di calma. Anche perché ognuno è impegnato a seguire la sua strada. Se torneranno assieme, un giorno? Mah, con gli Oasis non si sa mai…”

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.