Pirateria on-line, Google mette un freno ai cyberlocker

Pirateria on-line, Google mette un freno ai cyberlocker

A dicembre Google aveva promesso alle industrie dei “contenuti” (produttori di film, musica e videogiochi) l’introduzione di strumenti e procedure più efficaci per promuovere la circolazione di opere legali e arginare l’accesso, attraverso il suo motore di ricerca, a materiali piratati. Aveva cominciato a mettere in pratica i suoi programmi eliminando termini come “torrent” e “P2P” dalla funzione di completamento automatico delle parole attiva sulla sua barra di ricerca. Ed ora, avverte il sito TorrentFreak, dallo stesso “autocomplete” sono scomparsi anche termini come RapidShare e Megaupload: l’utente può ancora rintracciare i link ai siti cyberlocker, ma per farlo deve scrivere per intero la parola ricercata all’interno della barra. 

Con queste misure antipirateria, secondo molti commentatori, Google prepara il terreno a una collaborazione più stretta con le case discografiche, in vista dell’annunciato lancio del suo servizio di “music cloud” nel corso del 2011.

 

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.