E' morto Leo Wachter, portò i Beatles in Italia

E' morto Leo Wachter, portò i Beatles in Italia
Il Corriere della Sera, con un articolo a firma Maurizio Porro, e La Stampa danno notizia della morte di Leo Wachter, celeberrimo impresario e press agent. Wachter, che aveva 78 anni, è stato il fondatore del teatro Ciak di Milano nel 1977, e aveva potuto fregiarsi di un titolo straordinario, quello di essere stato, nel 1965, l’impresario dell’unico tour italiano dei Beatles. Tra gli altri artisti da lui portati in Italia nel corso di una carriera quarantennale ci sono Frank Sinatra, Josephine Baker, Paul Anka, Sarah Vaughan, Edith Piaf, Louis Armstrong, i Rolling Stones, Jimi Hendrix. Wachter, che ai tempi della seconda guerra mondiale venne deportato a Dachau, posto dal quale riuscì a fuggire corrompendo i tedeschi, è morto per un infarto. Da tempo era malato seriamente, e nel 1996 aveva dovuto sopportare la morte di sua figlia Susanna, il suo braccio destro nella gestione artistica del Ciak, che è in seguito passata in mano a Maurizio Costanzo.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.