Warner Music, Edgar Bronfman esplora le possibilità di una vendita

Il magnate (e, a tempo perso, autore di canzoni) Edgar Bronfman Jr. si è stancato del business musicale o al contrario vuole alzare la posta in gioco? La domanda sorge spontanea dopo che il New York Times ha riferito per primo della sua decisione di affidare a Goldman Sachs  l’incarico formale di esplorare eventuali offerte di acquisto per Warner Music o per una parte di essa (possibilmente le edizioni musicali Warner Chappell). Società potenzialmente interessate, a cominciare dal gruppo finanziario Kohlberg Kravis Roberts (KKR) già partner di Bertelsmann in BMG Rights Management e interessato a rafforzare ulteriormente la sua presenza nel settore musicale, non mancherebbero, e Goldman avrebbe già avviato una serie di contatti con altre società di investimento e del settore dei media.   Allo stesso tempo, però, Bronfman ha affidato a un team separato di banchieri della Goldman il compito di valutare le possibilità di acquisto della EMI (soprattutto se la major inglese, per le note vicende, dovesse finire nelle mani del creditore Citigroup).    

Gli investitori di Warner, che oltre a Bronfman includono i gruppi Bain Capital, Thomas H. Lee Partners e Providence Equity Partners, si troverebbero dunque di fronte a una doppia opzione: lasciare (a quasi sette anni dall’acquisizione della major da Time Warner per 2,6 miliardi di dollari in contanti) o raddoppiare (rilevando la EMI). Dal 2005 la società ha collocato in Borsa una quota minoritaria delle sue azoni (valore corrente, 731 milioni di dollari); nel suo complesso, il valore della società è oggi stimato in 2,3 miliardi.  

 

 

Dall'archivio di Rockol - 1991, l'ultimo anno d'oro del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.