Denuncia-bis contro i Verve, chiesti tre miliardi

Ancora guai per “Bitter sweet symphony” dei Verve. Dopo l’azione legale contro il gruppo, sporta a fine ’97 da Allen Klein, manager dei Rolling Stones dal 1967 al 1970, per mezzo della quale lo stesso pare si sia impadronito di tutti i diritti derivanti dal singolo, adesso è la volta di Andrew Loog Oldham, manager dello storico gruppo dal 1963 al 1967. Oggetto della contesa, ovviamente, il sampling della versione strumentale dello stoniano “The last time” utilizzato dai Verve per “Bitter sweet symphony”.
Oldham, nell’intraprendere l’azione legale con la quale chiede l’equivalente di quasi tre miliardi di lire al gruppo di Richard Ashcroft, afferma d’essere lui il legale proprietario della registrazione orchestrale di “The last time”. Un portavoce dei Verve ha riferito che il gruppo per il momento non ha alcun commento in merito, ma che la vicenda, visto che la band di Wigan ha già pagato per il “furto”, pare essenzialmente da risolvere tra i due ex managers.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.