I Radiohead passano in Italia: i concerti di Monza

I Radiohead passano in Italia: i concerti di Monza
Il Giorno, in un articolo a firma Chiara Di Clemente, e la Stampa, in un altro articolo a firma Luca Dondoni, relazionano del concerto dei Radiohead alla Villa Reale di Monza. Scrive la Di Clemente: “ E' dura nella vita aver scritto un capolavoro. Una di quelle cose pazzesche che diventano nel giro di due, tre anni pietre miliari: che si ascoltano - il capolavoro dei Radiohead è un disco, “Ok Computer” - e sono tanto, tantissimo altro oltre la musica. Sono un'estetica, i Radiohead, l'estetica scura e frammentata della fine del Novecento: gli abissi cupi di Kupka, le esplosioni sottili eppure devastanti di Kiefer, la purezza luminosa ed alienata di Diebenkorn. Sono un'interpretazione del mondo: "Viviamo ora senza che ci siano dati né il tempo né la voglia di scendere a patti, giorno per giorno, con la morte", diceva Thom Yorke qualche stagione fa, in una delle (rare) interviste concesse durante i trionfi mediatici del cd di "Paranoid Android". Viviamo noi - noi non "Creep", non folli né inadatti - nella rimozione del dolore, e chi sceglie piuttosto di accedervi diviene per forza interprete del mondo. Faro morale, quantomeno fratello. Dunque, i neanche tutti trentenni Radiohead di Oxford, hanno tre dischi alle spalle e uno di questi è l' ultima sintesi possibile del secolo che è appena fuggito, è la breve chiarissima sintesi di un breve lampo di caos. E' - purtroppo - un capolavoro. Al quale si ha da sopravvivere. E Thom e Jonny e gli altri, per sopravvivere, fanno quello che ciascuno si aspettava da loro: scrivono canzoni (due anni e un cd la cui uscita è prevista per quest'autunno, titolo ancora da scegliere) e fanno concerti. "Smal gigs", dicono. Piccole prove, d'estate; per l'Europa, adesso, con il debutto qualche giorno fa ad Arles, due date (la prima domenica, la seconda ieri) a Monza, Villa Reale, poi domani e dopodomani a Firenze, in piazza Santa Croce. Dopodiché Israele, e la loro Gran Bretagna. Piccole prove in cui, ogni sera per stille, gocce che cadono, i Radiohead mescolano ai furori patetici di "No Surprises", al dolore raggelato di "My Iron Lung" ai cori di "Karma Police" le novità, il post-capolavoro. A Monza, domenica, addirittura nove le nuove canzoni: con due fili conduttori, così, al primo ascolto. Fiona Apple e Tricky. Le note che insegue Fiona sfrenata al suo piano, sinfonie acustiche per rabbia e contrabbasso lì, da una parte ("Morning Bell"), dall'altra i circoli ipnotici, talmente pesanti che sfociano nel nulla quali i tumulti techno-rimbaudiani di Tricky ("National Anthem"). Al contempo, qualcosa che non è né l'un sentimento né l'altro: e che a poco a poco si farà profondo spazio vuoto ed imperiosa cattedrale, qualcosa che si vedrà nascere e crescere e al contempo precipitare. Come fu "Bitches Brew" ascolto dopo ascolto per Thom. Com'è stato "Ok computer". Come sono i Radiohead”. Maggiormente imperniato invece sul concerto e la cronaca il pezzo di Luca Dondoni, che però non aggiunge granché di nuovo alle notizie circolate in questi giorni sull’arrivo in Italia del gruppo inglese.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.