Vivendi vicina all’acquisto di Seagram

La media company francese Vivendi (detentrice, tra l’altro, del 45 per cento delle azioni del gigante della pay-tv Canal Plus) è sempre più vicina all’acquisto del gruppo canadese Seagram, da cinque anni proprietario della casa discografica Universal e degli studi cinematografici che portano lo stesso nome. Riportano la notizia in queste ore i maggiori quotidiani americani, a cominciare dal Los Angeles Times, che danno per certo l’annuncio ufficiale del “deal” nell’arco di un paio di settimane. Secondo le fonti statunitensi, il gruppo francese pagherebbe circa 32,7 miliardi di dollari per assorbire gli interessi della Seagram. La nuova entità che scaturirebbe dall’operazione dovrebbe chiamarsi Vivendi Universal e mantenere la proprietà degli interessi discografici, editoriali e cinematografici della holding canadese, liberandosi invece del suo core business iniziale, costituito dalla divisione bevande alcoliche e soft drinks. Edgar Bronfman jr, il numero uno della Seagram, manterrebbe un ruolo di vertice nella nuova struttura, il cui valore di mercato viene stimato intorno ai 100 miliardi di dollari dagli analisti finanziari, mentre agli altri componenti della famiglia canadese spetterebbe un posto nel consiglio di amministrazione. Se l’operazione andrà in porto, nascerà un gruppo capace di rivaleggiare, in termini di risorse economiche, di infrastrutture e di contenuti, con AOL-Time Warner e con gli altri giganti integrati del mondo delle comunicazioni e dell’entertainment come Bertelsmann, Sony, News Corp e Walt Disney (queste ultime due, non a caso, concorrenti di Vivendi nella battaglia per accaparrarsi la Seagram). Insieme, le due compagini sociali combinerebbero la forza di Seagram sul piano dei “contenuti” (musica, film, diritti editoriali, parchi tematici) con la potenza di Vivendi sul fronte cinematografico (dove Studio Canal di Canal Plus è il maggior produttore e distributore europeo), dei media, della telefonia mobile e fissa, dei canali satellitari, delle trasmissioni a larga banda e di Internet. Tra i maggiori “asset” di Vivendi figura anche la comproprietà, al 50 per cento con la britannica Vodafone, del portale paneuropeo Vizzavi, accessibile attraverso apparecchi wireless e utilizzabile in futuro per scaricare brani musicali tratti dal catalogo Universal, oltre che video e contenuti multimediali. Associando le rispettive utenze, i due gruppi raggiungerebbero fin d’ora circa 80 milioni di abbonati a servizi telefonici e pay-tv via pc, televisione, telefoni cellulari e agende elettroniche. Per finanziare l’operazione di acquisto, Vivendi intende quotarsi entro fine anno sulla borsa di New York.
Dall'archivio di Rockol - Gli album essenziali del rock italiano anni Novanta
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.