Rockol Awards 2021 - Vota!

'Suoniamo con l'impeto di una nave rompighiaccio': intervista ai Lucky Bastardz

I Lucky Bastardz sono una formazione alessandrina dedita ad un furioso ibrido di rock'n'roll, metal, hard rock e thrash, il tutto con un filo coduttore di stampo Motorhead Il gruppo ha recentemente pubblicato il proprio secondo album in studio ("Bite me dude"), che la stessa band descrive così: "I brani del disco sono nati on the road come tutto ciò che vivono i Lbz; la vera differenza é stata che Mark e Paco questa volta hanno avuto più tempo per scriverlo e in studio hanno potuto arrangiarlo valorizzando  il sound e l'appeal dei brani.

Rimane da sottolineare l'entrata nella band di Mr. Tnt al basso sei corde che è stata una vera sorpresa per tutti, in quanto ha dimostrato un gusto inaspettato invece che tecnica fine a se stessa e ha permesso a un batterista di livello come Mark di esprimersi al 110%. Rabbia, grinta, botta e ignoranza sono le componenti  dell'album e della band".
Hanno le idee chiare, i ragazzi, e ancora più nitidi - per quanto semplici - sono gli obiettivi che si prefiggono per l'anno appena iniziato: "Suonare, bere, suonare, bere, suonare e fare uscire un video che presto potreste veder passare in tv".
Si accennava al sound dei Lucky Bastardz, che loro stessi hanno battezzato "double kick engine rock'n'roll"; la genesi di questa personalità musicale - stando alle parole di Geppo, il loro frontman - sarebbe questa: "È tutto completamente casuale; ogni brano nasce da una matrice più rockabilly o più hard rock senza nessuna ricetta. Cerchiamo, praticamente, di non perdere la naturalezza che scaturisce dall'idea di base, filtrandola attraverso una base ritmica da guerra termonucleare dove il thrash la fa da padrone (Mark e Mr Tnt), il tutto poi gestito da una chitarra come quella di Paco che riesce a essere aggressiva e melodica al tempo stesso".
Hanno anche molta autoironia, i Lucky Bastardz, che decisamente si sposa bene con la scorza da rocker cosnumati che mettono in mostra. Loro senza dubbio non amano le mode e le situazioni costruite a tavolino. Infatti si descrivono così: "Chiunque abbia assistito a un nostro show penso che ci conosca come quattro sfigati che bevono come degli imbecilli, biascicano come dei dementi e suonano con l'impeto di una nave rompighiaccio. Questo siamo, di queste cose scriviamo e ci vestiamo semplicemente senza seguire nessun mood particolare: indossiamo dalle t shirt dei Kreator a quelle dei Longobardeath".
Un gruppo di musicisti schietti e sinceri, dunque. E - inevitabilmente - si sono fatti molti amici on the road, con cui è nato un legame forte: "Noi siamo a questo punto perché abbiamo volontà e coglioni, ma soprattutto perché abbiamo conosciuto band come Longobardeath, Dustineyes, Backstage Heroes, Sfregio e Lethal Poison che ci supportano e che noi supportiamo".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.