Paul Weller all’Alcatraz di Milano: grande musica da un talento senza regole

Paul Weller all’Alcatraz di Milano: grande musica da un talento senza regole
Nonostante sia appena uscita una sua antologia, "Modern classics", niente interviste per Weller a Milano, che i rapporti con la stampa sono evitati in quanto quasi inutili. Anche perché chi ama Weller sa aspettare e, quando è il momento, andarlo a cercare. E così venerdì 27 novembre, all’Alcatraz di Milano, c’erano un migliaio di persone ad applaudire lo show dell’eterno ragazzo ribelle del brit rock. Chitarre saturate, Marshall e Gibson tanto per regalare un suono distorto e potente, Weller e i suoi ragazzi (tra i quali spiccava Stephen White alla batteria, già negli Style Council) hanno dato fuoco alle polveri sin dal primo brano, proseguendo per oltre un’ora e mezza con una scaletta esplosiva, che non ha risparmiato nessuno dei classici da solista di Weller. "Into tomorrow", "Brand new start", "Woodcutters", "Hurt you", "Stanley road", "You do something to me", "Science", "The Changingman" sono stati soltanto alcuni dei brani suonati da Weller con maestria e tensione, coinvolgendo in breve tutti i presenti. Un concerto tirato e nervoso, pieno di energia e praticamente ininterrotto, visto che Weller raramente ha fatto tra un brano e l’altro pause più lunghe di dieci secondi: risultato? Orecchie messe a dura prova dal volume poderoso e sensazione di trovarsi alle prese con un concerto storico. Weller e il pubblico ce l’hanno messa tutta, e alla fine, se il rocker inglese ha smesso dopo il primo bis, il pubblico è andato via visibilmente soddisfatto.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
4 mag
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.