NEWS   |   dalla Stampa / 06/06/2000

‘Pavarotti & Friends’ punta sulla finta Mina e su Zucchero

‘Pavarotti & Friends’ punta sulla finta Mina e su Zucchero
Finalmente, questa sera le polemiche lasceranno il posto alle canzoni: tutto è pronto per l’edizione 2000 del "Pavarotti&Friends" che quest’anno ha fatto però arrabbiare il governo cinese che, a quanto riportano oggi i quotidiani, avrebbe fatto pressione sul tenore perché non ospitasse a Modena il Dalai Lama, massima autorità religiosa del Tibet. Quanto ai protagonisti del concerto, "Repubblica" punta il suo obiettivo su Monica Naranjo, ribattezzata nel titolo "la tigre di Barcellona", per la notevole somiglianza della sua voce con quella di Mina: "Monica Naranjo, ha 26 anni, è catalana di Barcellona, ma ha avuto successo prima in Messico che in patria. Adora la tigre di Cremona e assomiglia in modo imbarazzante alla figlia Benedetta Mazzini. Il suo ultimo album, intitolato ‘Minage’, è stato prodotto da Massimiliano Pani e contiene nove cover di Mina eseguite da vera urlatrice, con un timbro identico a quello del suo idolo (...) Mina ha voluto incontrarla negli studi di Lugano, dove il disco è stato realizzato, e incidere con lei un duetto inedito, ‘El se encuentra entre tu y yo’, che però nella versione italiana dell'album non c'è". Perché comparirà verosimilmente in un prossimo album di Mina, ipotesi avanzata sul "Corriere della Sera" da Mario Luzzatto Fegiz e Gloria Pozzi che firmano insieme un articolo in cui l’accento è messo proprio su Monica Naranjo, definita "l’asso nella manica" di questa settima edizione del "Pavarotti&Friends".
Anche sul "Giorno", ampio spazio nelle pagine degli Spettacoli a Pavarotti e al suo concerto, con un articolo di Marco Mangiarotti che dà i voti ai "duettanti" ascoltati in prova (come fa anche sul "Messaggero" Marco Molendini). Andrea Spinelli, invece, firma un pezzo che è un collage di varie dichiarazioni di alcuni protagonisti, tra cui anche Zucchero, che staserà canterà "Everybody’s talking" da "Un uomo da marciapiede": "Contrariamente agli altri protagonisti della serata, io vengo su questo palco dal ’92 e con Big Luciano ho fatto di tutto. Non so più cosa inventarmi. Avrei voluto coinvolgere amici come Mark Knopfler, Carlos Santana o Tom Jones, ma sono impegnati altrove".
Dà un resoconto più ampio dello scambio di battute con Zucchero Marinella Venegoni sulla "Stampa", che con il musicista parla un po’ di tutto, dalla "Traviata" in tv, a Internet, ai suoi progetti discografici, e di lui dice: "Come spesso capita quando c’è il concertone benefico, non ha niente da promuovere e però molte cose da raccontare, anticipare e anche criticare". E a proposito del cast di quest’anno, Zucchero spiega: "Ho le mie riserve, ma mi voglio divertire anche se ci sono gli Aqua".
Scheda artista Tour&Concerti
Testi