NEWS   |   Industria / 30/12/2010

Motorola pronta alla cloud con Zecter

Motorola pronta alla cloud con Zecter

Motorola, che come precedentemente annunciato si accinge a dividersi in due società nel 2011, pare apprestarsi a investire sul comparto mobile media con maggiore decisione che non in passato. Con una delle due newco, Motorola Mobility, la casa giapponese dovrebbe dare vita a iniziative in chiave audio e video che sembrerebbero collidere con le mosse che Google ha in serbo con il proprio sistema operativo Android: se fosse questo il caso, si ripeterebbe la conflittualità tra due colossi che hanno già sperimentato difficoltà di relazione gli scorsi anni ogni volta che si trattava di mettere a fattore comune hardware e software. Motorola ha infatti perfezionato l'acquisto di Zecter, una startup che il 22 dicembre è ufficialmente passata sotto la propria egida e che le consentirà, integrandone la piattaforma, di offrire ai propri clienti soluzioni di storage in mobilità per file audio e video attraverso ZumoDrive, un semplice servizio di backup che ricorda (ad esempio) quello di Dropbox, e ZumoCast, che permette all'utente di operare in streaming dal proprio computer su iPhone, iPad e browser. In particolare, questo servizio esclusivo di Zecter è stato temporaneamente sospeso da Motorola non appena perfezionata l'acquisizione della società, in modo da consentirle di lavorare alla sua integrazione con Android e, probabilmente, personalizzarne alcune funzioni. Non sfugge agli osservatori dell'industria la similitudine dell'acquisizione di Motorola con quelle effettuate lo scorso anno da Apple con Lala (il cui cloud music service ricorda da vicino la performance di ZumoDrive) e da Google con Simplify Media, il cui servizio è praticamente una copia di ZumoCast. L'orientamento dell'industria alla cloud è ormai un dato di fatto: si attende, in proposito, l'annuncio da parte di RealNetworks che dovrebbe lanciare un servizio simile chiamato Unify.