Cold case: rapper di Diddy confessa omicidio del 1993

Cold case: rapper di Diddy confessa omicidio del 1993

Era ormai nella lista "cold case" l'omicidio di John Henkel, un uomo ucciso il 19 ottobre 1993 davanti ad un caseggiato di Harlem, New York. Niente testimoni, e così l'assassinio era stato archiviato in attesa di eventuali ma improbabili nuovi indizi. Ma improvvisamente un rapper ha confessato l'omicidio. Si tratta di G.Dep, 36 anni, vero nome Trevell Coleman, che tra fine anni Novanta ed inizio Duemila era riuscito a ritagliarsi una certa notorietà; G.Dep faceva parte della Bad Boy Records di Sean "Diddy" Combs, aveva pubblicato i singoli "Special delivery" e "Let's get in" e addirittura si era inventato un ballo, l'Harlem Shake. Ma, dopo il suo album del 2001 "Child of the ghetto", di lui si era saputo più poco. Nel 2007, appena uscito di galera dopo tre settimane di detenzione, il cantante aveva riferito al "Daily News" di New York d'avere avuto storie di droga. Poi si scoprì che gli arresti erano stati addirittura una dozzina. Ora il rapper ha confessato che, appunto il 19 ottobre 1993, rapinò Henkel; ad una reazione dell'uomo, G.Dep gli sparò tre colpi al petto con una pistola. Del caso se ne riparlerà presso il tribunale di Manhattan il mese prossimo. Il rapper, che quest'anno ha pubblicato l'album "online only" intitolato "Ghetto legend", è ora in prigione in attesa del processo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.