Calo delle vendite dei CD nelle università Usa. Colpa di Napster?

Nell’ambito del dibattito sulla legittimità di MP3 e Napster, la “Associated Press” ha riferito di un’indagine condotta dalla Reciprocal Inc., compagnia attiva nel campo della musica on line, presso i college americani, per capire l’incidenza dei “downloads” gratuiti sulle vendite dei dischi. Il risultato è che nei primi tre mesi del 1999 le vendite nei negozi attorno alle università sono calate del 4% (7% nelle immediate vicinanze dei campus), in un periodo in cui, nel resto degli Usa, si è registrata una crescita del 12%. Un portavoce della Recording Industry Association of America ha dichiarato che questa è la prova che la difesa dei diritti degli artisti dovrebbe essere una priorità assoluta dell’industria discografica.
Music Biz Cafe Summer: Covid-19, le sfide di artisti e discografici
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.