Il rapper DMX condannato a un anno di carcere

E’ stata ufficialmente revocata la libertà condizionata concessa a DMX. Secondo la sentenza emessa ieri, 16 dicembre, il rapper deve quindi tornare dietro le sbarre e rimanerci per un anno intero. Quest’ultima condanna si riferisce all’arresto di DMX dello scorso 18 novembre, quando l’artista venne pizzicato in possesso di medicinali privi di prescrizione medica e positivo al test antidroga, dopo essere stato assente all’incontro con il vigilante sulla sua libertà. DMX dovrà scontare la pena nel penitenziario Ten City dove i carcerati devono indossare una tuta di rosa, colore che secondo uno studio impedisce ai detenuti di tentare la fuga perché facilmente identificabili. Il rapper già nel 2009 era stato ospite di qusto penitenziario, dove si era distinto per aver lanciato un vassoio all’indirizzo di una guardia carceraria. Il rapper ha un triste primato nella contea di Maricopa in Arizona, essendo stato arrestato ben sei volte, quasi una volta l’anno, dal 1999.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.