Scandalo Lewinski: gli americani se la ridono in musica

Nonostante il clima acceso dei dibattimenti al senato, lo scandalo Lewinski sembra che agli americani ispiri più divertimento che altro.
Su Internet, infatti, girano da alcune settimane parodie di famosi classici della musica pop sul tema degli incontri ravvicinati tra Bill Clinton e la sua ex collaboratrice Monica. Ad esempio, il brano di Elton John “Don’t let the sun go down on me” è diventata “I let an intern go down on me” (“Ho lasciato che una stagista si abbassasse su di me”).

Intanto uno di questi brani sta per essere pubblicato anche ufficialmente: si tratta della rilettura sarcastica di un classico della musica gospel, “Legendary (on my knees”) su cui sono state registrate frasi di Bill Clinton davanti al procuratore Starr ed estratti delle conversazioni tra la Lewinski e la sua amica Linda Tripp.
D’altro canto la Rhino, timorosa di eventuali ritorsioni, ha fatto togliere dal cofanetto di 4 Cd del comico Stan Freberg in uscita ad aprile un brano scritto appositamente sullo scandalo: “The conspiraski theory”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.