Riapre a New York lo Studio 54, storica “disco” degli anni ’70

La madre di tutte le discoteche degli anni ’70, lo Studio 54 di New York, riaprirà i battenti. I proprietari del Cafè de Paris di Londra hanno acquistato i locali dove il fenomeno della disco music e il suo contorno nacquero e prosperarono, lanciando un fenomeno musicale e le sue abitudini. Vi furono consacrati KC & the Sunshine Band, Donna Summer e i Village People, ma lo Studio 54 fu anche molto odiato per la cocaina a fiumi e i famosi “esclusivissimi” privè frequentati da Mick Jagger e Andy Warhol. I nuovi proprietari hanno già fatto sapere che della droga non vogliono sentire parlare, e attueranno una politica estremamente restrittiva. Quanto alle star, per l’imminente inaugurazione hanno già fatto i nomi di Spice Girls, Tom Cruise e Robert De Niro.
Dall'archivio di Rockol - Quando la rockstar mostra il medio
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.