Beatles su iTunes, ricavi spartiti a metà con la EMI

Beatles su iTunes, ricavi spartiti a metà con la EMI

Emergono nuovi particolari sull’accordo siglato tra EMI e Apple Corps per portare, dopo estenuanti trattative, il catalogo digitalizzato dei Beatles su iTunes. Secondo queste indiscrezioni, l’ad EMI Roger Faxon avrebbe garantito ai membri del gruppo e ai loro eredi una spartizione paritaria delle somme incassate grazie alla vendita in download di album e singoli sul negozio digitale di Steve Jobs: in altre parole una royalty del 35 % sul prezzo di vendita, considerando che iTunes trattiene normalmente per sé il restante 30 %. Per un termine di paragone, basti ricordare che la società che ha prodotto i primi dischi di Eminem, F.B.T. Productions, ha fatto causa alla Universal contestandogli una royalty digitale pari al 12 %.

Secondo le stesse fonti, e diversamente dalle pratiche standard, iTunes si impegnerebbe a versare direttamente ai Beatles la quota di loro spettanza (evitandogli così un passaggio intermedio); da parte loro, i membri del gruppo e i loro eredi avrebbero rinunciato a richiedere anticipi sostanziosi a Jobs, contando sul fatto che le campagne di marketing di iTunes dovrebbero dare nuovo impulso anche alle vendite dei cd sul mercato tradizionale.  

Sembra infine che il negozio della Apple conserverà i diritti di vendita esclusiva del repertorio dei Beatles fino al dicembre del 2011 e che l’etichetta dei Fab Four abbia rifiutato un’offerta allettante di Google, disposta a mettere sul piatto decine di milioni di dollari per strappare l'anteprima a Cupertino.  

 

 

Dall'archivio di Rockol - Giles Martin racconta "Sgt. Peppers Lonely Heart Club Band"
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.