LeAnn Rimes, 18 anni, fa causa a suo padre per truffa

Belle, edificanti favole della musica: la "Britney Spears del country", la 18enne LeAnn Rimes, ha fatto causa al padre Wilbur C. Rimes e al suo ex manager, accusandoli di averle sottratto oltre 7 milioni di dollari negli ultimi cinque anni. La cantante sostiene che papà Rimes e Lyle Walker hanno fatto sparire una somma imprecisata (i suoi avvocati dicono che "è difficile scoprire quanti soldi, esattamente, hanno preso") dalle casse di una sociteà costituita nel 1995 per gestire i guadagni della cantante. Naturalmente l’avvocato del padre sostiene che le accuse sono completamente false, e che "Non si può concepire una crudeltà maggiore di un padre che non può evitare che altri, per loro personale guadagno, gli sottraggono l’amore della figlia". Fatto non secondario, i genitori di LeAnn hanno divorziato nel 1999, ed ora la teen-star vive a Dallas insieme alla madre, che è difficile immaginare estranea alla decisione di portare il padre in tribunale...
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.