Badly Drawn Boy racconta il nuovo album`It's what I'm thinking Pt.1´- video

Si chiama "It's what I'm thinking Pt.1 - Photographing Snowflakes" il nuovo album di Badly Drawn Boy. Rockol ha incontrato il cantautore inglese, originario di Dunstable ma adottato musicalmente da Manchester, mentre si trovava in Italia per promuovere il disco, giunto a quattro anni dal precedente "Born in the U.K." (se si esclude "Is there nothing we could do?", colonna sonora realizzata per la tv inglese). L'incontro è stato anche l'occasione per realizzare una video intervista, disponibile ora su MusicVideos "Quando scrivi una nuova canzone c'è un momento che non puoi mai ricordare, quello in cui quella piccola idea iniziale ti entra nella mente", confessa il cantautore inglese, "Di solito è improvviso e devi cercare di coglierlo prima che se ne vada.

Ecco, il mestiere del cantautore in un certo senso è lo stesso: catturare l'attimo e intrappolarlo in un brano. Proprio come fotografare i fiocchi di neve. È un'immagine che mi è venuta in mente mentre chiacchieravo con un amico in un pub di fronte a una birra e mi è sembrata subito perfetta per il titolo del disco".




Sin dagli esordi, Damon Gough è stato sempre molto distante dal tipico musicista rock inglese, un po' spocchioso e molto sicuro di sé. "Quando io sono venuto fuori a fine anni '90 tutti cercavano di assomigliare ai fratelli Gallagher. All'improvviso invece sono arrivato io con il mio registratore, il mio cappello e i miei testi scherzosi. Questo mi ha dato visibilità  in un certo senso, perché non ho cercato di essere come loro, ma di fare qualcosa di diverso" conclude l'artista inglese "Per me la musica era l'unica opzione nella vita. Riesco a scrivere buone canzoni, mi ritengo fortunato di poterlo fare come lavoro, invece che accontentarmi di sognarlo".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.