NEWS   |   Industria / 19/11/2010

Edizioni musicali, i Pearl Jam firmano con la 'indie' Kobalt

Edizioni musicali, i Pearl Jam firmano con la 'indie' Kobalt

Dopo avere preso le distanze dalle major discografiche (oggi gestiscono in proprio un’etichetta, Monkeywrench Records), i Pearl Jam sciolgono i legami anche con i colossi dell’editoria: il loro nuovo partner a livello mondiale (Stati Uniti esclusi) è infatti la Kobalt di Willard Ahdritz, realtà emergente e indipendente del publishing con cui hanno firmato tre distinti contratti a lungo termine riguardanti l’amministrazione del loro repertorio (per quanto riguarda i diritti generati dalla riproduzione delle canzoni in singoli e album, concerti e locali pubblici, film, videogiochi, suonerie, spot pubblicitari, programmi radiofonici e televisivi, Webcast e siti on-line,  ecc.; in Italia, per di diritti di sincronizzazione, la società è rappresentata da Feedback, dipartimento della Tune Fit di Sandor Mallasz).  

Gli accordi hanno per oggetto tutte le opere future della band di Seattle, la produzione solista di Eddie Vedder e i brani contenuti nei primi due album del gruppo, “Ten” e “Vs.” A partire dal 2012, Kobalt amministrerà anche il resto del catalogo, inclusi gli album “Vitalogy”, “No code”, “Yield”, “Binaural”, “Riot act”, “Pearl Jam” e  “Backspacer”. L’anno prossimo i Pearl Jam celebreranno il loro ventesimo anniversario.

 

Scheda artista Tour&Concerti
Testi