Beatles-iTunes, catalogo in esclusiva fino all'anno nuovo

Beatles-iTunes, catalogo in esclusiva fino all'anno nuovo

L’esclusiva di iTunes sul catalogo digitale dei Beatles, a quanto pare, non sarà cosa di poche settimane: fonti anonime della EMI, parlando con la stampa americana (ad esempio con il sito Hypebot), hanno dichiarato che coprirà tutta la stagione natalizia e la fine dell’anno, assicurando al negozio virtuale di Steve Jobs un ulteriore e importante vantaggio concorrenziale sugli altri operatori del mercato (Amazon e Google, che pure non dispone ancora di uno store digitale, risultano essere le altre due opzioni prese in considerazione).

Il sito Billboard.biz, intanto, ha rivelato alcuni retroscena dell’accordo siglato da Apple (la società che gestisce iTunes), Apple Corps (la società che fa capo ai Beatles) ed EMI Music, licenziataria dei diritti di sfruttamento dei master dei Fab Four, dopo una estenuante trattativa durata anni e complicata sia dalla natura dei rapporti contrattuali esistenti tra EMI e Beatles, sia dalla (legittima) attenzione che questi ultimi pongono nella salvaguardia del loro patrimonio artistico.  

Le fonti sentite dal trade magazine statunitense (tra cui il vp di EMI Music Services North America Dominic Pandiscia) individuano nel nuovo ad della EMI Roger Faxon e nel ceo di Apple Corps Jeff Jones gli uomini chiave la cui volontà ha permesso di sbloccare una situazione rimasta congelata per anni. Il primo ha fatto dell’accordo con iTunes una delle sue priorità immediate, mentre il secondo – scrive Billboard.biz – si è rivelato una controparte molto più malleabile e aperta al dialogo del suo predecessore Neil Aspinall, l’amico intimo e tuttofare dei Beatles scomparso nel marzo del 2008. Le clausole del contratto restano ovviamente riservate, ma pare che Steve Jobs abbia accettato di pagare  anticipi “sostanziosi” in cambio del diritto esclusivo a vendere il catalogo digitale fino a una data imprecisata del 2011.

Secondo fonti citate dal New York Post il prezzo di 1,29 dollari (o 1,29 euro) incassato per  ogni canzone venduta su iTunes verrà così ripartito: 0,30 dollari alla Apple, 0,09 dollari all’editore Sony/ATV e 0,45 dollari a testa per la EMI e per i Beatles (e i loro eredi).

      

 

 

 

Dall'archivio di Rockol - Giles Martin racconta "Sgt. Peppers Lonely Heart Club Band"
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.