Cassius: «Il rock è morto, la dance è viva»

Hubert "Boombass" e Philippe Zdar, parigini, sono i Cassius, sono il nuovo nome della dance europea sulla scia di Daft Punk e Chemical Bros. Come spesso succede in questo ambito, la loro attività finora è stata assai apprezzata per produzioni e remix (MC Solaar, Daft Punk, Air, Depeche Mode, Bjork, Neneh Cherry). Ora è in uscita il loro album "1999", preceduto dal singolo dallo stesso titolo. Di passaggio in Italia, Hubert e Philippe spiegano:
«La Francia sta diventando come l'Inghilterra: la scena dance è la più viva, e nascono club e discoteche ogni giorno. D'altra parte, è facile capire perchè: il rock è musica di un'altra generazione, i cui nomi più importanti sono quasi tutti morti o invecchiati e privi di idee. Nella dance e nell'hip-hop girano quasi tutte le idee di oggi».
Molti successi della disco-music degli anni '70 continuano a essere popolari in discoteca. Pensate che oggi la dance sia in grado di produrre dei brani che durino tanto?
«Sì. Ad esempio "Rockafeller skank" di Fatboy Slim o "Around the world" dei Daft Punk tra cinque anni saranno ancora vicino al mixer».
La vostra musica, in Italia, non sarebbe considerata strettamente "da discoteca".
«Non conosciamo benissimo la scena italiana, eccetto Claudio Coccoluto e i Tamperer. Abbiamo l'impressione che da una parte ci sia un genere molto "facile", e dall'altra uno molto "estremo". "1999" invece ha un groove molto fluido. Come la maggior parte degli artisti che fanno dance oggi, abbiamo cercato di fare un album che si può ascoltare in casa, la mattina, e non solo in un club alle due di notte».
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.