La Cina scopre i Beatles

La Cina scopre i Beatles
Cinquantamila copie della versione rimasterizzata di "Yellow submarine" porteranno per la prima volta la musica dei quattro baronetti al di là della Grande Muraglia. A trent’anni dallo scioglimento del quartetto, Cindy Tai, direttore della EMI (China) ha dichiarato che il problema, più che politico, negli ultimi anni era dovuto alla pirateria. "Erano otto anni che tentavamo di ottenere il permesso di vendere le loro opere in Cina. Ma il management dei Beatles si è sempre battuto contro la diffusione del loro materiale nei paesi in cui la pirateria è molto forte".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.