Mercato internazionale: crescita modesta. Sale il CD, non decolla MP3

Tengono bene le vendite negli USA, calano in Giappone; cresce la pirateria sudamericana, e nel complesso il mercato discografico mondiale è in leggerissima espansione. Sono questi i risultati dell’analisi della International Federation of the Phonographic Industry (IFPI). Il presidente dell’associazione, Jay Berman, ha spiegato alla "Reuters": "Con la ripresa dell’economia mondiale nel 2000 ci aspettiamo una crescita. Ma nel 1999 le vendite complessive, pur salite dello 0,7 % in termini di fatturato (oggi pari a 38,5 miliardi di dollari), rimangono invariate in termini di pezzi venduti - 3,8 miliardi. La pirateria e il downloading illegale potrebbero frenare la possibile espansione".
Internet, per ora, rappresenta una fetta piuttosto ridotta della torta: solo il 2,4% del totale. A dispetto della grande attenzione per il formato MP3, le vendite dei CD non sono calate, ma salite del 3%, e oggi il 65% dei supporti venduti è costituito da CD - la cassetta continua invece nel suo declino.
In ogni caso, il mercato principale, quello americano (40% del totale), è in salute: per il quinto anno consecutivo, il segno è positivo (+8% di fatturato). Per quanto riguarda gli altri paesi, il Giappone (17% del mercato mondiale) mostra un declino del 7% nelle vendite, e il Sudamerica, pur vantando un boom nelle esportazioni, è alle prese con un analogo boom della pirateria, radicata in particolar modo in Brasile. L’Europa, come è noto, non è da meno; tra i segnali degni di interesse, quello della Gran Bretagna (7,6% del totale mondiale), dove un revival dei singoli ha salvato l’annata. "Nel complesso, il 1999 è stato un buon anno, tenuto conto del fatto che non ci sono stati successi internazionali come quello di Celine Dion in ‘My heart will go on’", ha concluso Berman.
Music Biz Cafe Summer: Covid e diritti, l'onda lunga della pandemia e i timori degli editori
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.