Nek: 'Diventare padre mi ha fatto apprezzare di nuovo le piccole cose'

Nek: 'Diventare padre mi ha fatto apprezzare di nuovo le piccole cose'

"Diventare padre ti fa vedere il mondo con occhi diversi. E' come se ritornassi puro, un bambino tira fuori tutto il buono che c'è in te e io per Beatrice voglio essere il padre migliore che possa esistere, voglio dargli tutto, soprattutto viziarla". Gli si illuminano gli occhi mentre parla della piccola Beatrice, nata due mesi fa dalla sua relazione con la compagna storica Patrizia: Nek ha lo sguardo di chi sta davvero attraversando il periodo migliore della sua vita. Mostra la foto della sua primogenita: occhi azzurri e sorriso sereno, molto somigliante a quello del papà: "Devo dire che affronto questa esperienza già preparato. Ho cresciuto Martina, figlia della precedente relazione della mia compagna, e so come muovermi. L'esperienza della nostra 'famiglia allargata' è una scoperta continua ed è una gioia che ripeterei ancora, se tornassi indietro". Sono passati ben vent'anni da quando Filippo Neviani, alias Nek, ha fatto il suo ingresso sulle scene musicali, e sembra che il tempo non sia passato; il ragazzo con lo sguardo ceruleo ha lo stesso entusiasmo di quando ha iniziato, unito alla maturità di chi ha dato tutto per la musica: "Volevo 'festeggiare' i miei vent'anni di carriera pubblicando i brani che hanno caratterizzato la mia vita artistica e che hanno accompagnato i momenti più importanti della vita di chi mi ascolta dagli inizi. Sono molto legato ad ogni canzone del disco e ho fatto una selezione in base ai gusti della gente, delle reazioni che vedevo durante i miei live. Penso di aver dato anche un'immagine chiara a chi non mi ha mai ascoltato e mi conosce attraverso questi brani. Ho anche voluto conservare la stessa masterizzazione, mi pare stupido rimasterizzare o riadattare brani del passato: a quel tempo mi piacevano così, ero io, e non li ho voluti cambiare", afferma il cantante. "E da qui- Greatest Hits 1992-2010", oltre a canzoni come "Laura non c'è", "Sei solo tu" e "Lascia che io sia", contiene quattro brani registrati dal vivo e tre inediti, anticipati dalla title track della raccolta di successsi. "'E da qui' parla della riscoperta delle piccole cose, delle cose che dai per scontate ma alla fine non lo sono mai. Sono tornato ad apprezzare i piccoli piaceri della vita, i momenti con la famiglia, gli attimi che non torneranno. Ho riscoperto l'essenzialità anche nei suoni: i tre inediti, infatti, sono suonati in modo scarno, volevo un suono più reale e meno elettronico, che mi piacerebbe mantere nel prossimo disco di inediti. Sto maturando anche l'idea di suonare tutto l'album che pubblicherò da solo, mi vorrei mettere alla prova, sono sempre alla ricerca di nuove esperienze, di nuove sfide. Vorrei anche tornare al mio nome di battesimo, un po' come ha fatto Jovanotti, che ora è Lorenzo Cherubini. Quando ho cominciato il mio vero nome non mi convinceva ma ora ritengo ia più adatto. Vedremo". Nek sarà di nuovo in tour probabilmente a marzo e toccherà non solo le principali città italiane ma anche le capitali europee: "A partire da marzo probabilmente sarò di nuovo in tour, e non vedo l'ora. Il palco è la mia vita. Amo così tanto la musica da non potergli stare lontano. E nella mia carriera di palchi ne ho visti tanti. Ho sempre lo stesso entusiasmo di quando ero ragazzo, Lucio Dalla mi disse che per andare avanti dovevo dare tutto me stesso ed è così che faccio anche ora. Tra altri vent'anni vorrei essere ancora qui, con il mio pubblico: sarò cambiato esteticamente ma dentro di me brucerà ancora il fuoco degli inizi", conclude Nek

Dall'archivio di Rockol - racconta "Mi farò trovare pronto”, la sua canzone in gara a Sanremo 2019
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.