Spotify, 40 milioni di euro agli artisti e alle case discografiche

In due anni di esistenza, Spotify ha versato oltre 40 milioni di euro sotto forma di royalties ad artisti, autori, editori musicali e case discografiche: lo rivela l’ente di consulenze e ricerche di mercato Music Ally, precisando che il grosso della cifra – oltre 30 milioni di euro – è stata pagata nei primi otto mesi di quest’anno. Il servizio di streaming svedese conta attualmente oltre 10 milioni di utenti in Europa, 650 mila dei quali fruiscono delle opzioni a pagamento (il 90 % ha scelto l’offerta “top”, che costa 9,99 euro al mese).

La lunga marcia di avvicinamento agli Stati Uniti, intanto, sembra finalmente prossima all’epilogo, dal momento che la firma degli agognati contratti di licenza con i “big four”, le major discografiche EMI, Sony Music, Universal e Warner, sarebbe imminente:  dubbiose sull’efficacia del modello “gratuito” di streaming e della capacità di Spotify di convertire i clienti ai servizi a pagamento, le case discografiche si sarebbero fatte convincere dall’entità degli anticipi garantiti dalla società svedese. 

 

Music Biz Cafe, parla Andrea Micciché (NUOVOIMAIE)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.