India: avvocato chiede per Katy Perry e Russell Brand sette anni di prigione

India: avvocato chiede per Katy Perry e Russell Brand sette anni di prigione

Ottantaquattro mesi di reclusione: questa la pena che un avvocato indiano ha invocato per i neosposi Katy Perry e Russell Brand, di recente unitisi in matrimonio proprio nel Paese di Gandhi. Nello specifico, il legale ha contestato ai coniugi l'indebita turbativa della riserva naturale di Rathambore, dove la coppia ha tenuto il ricevimento di nozze. Nei documenti depositati in tribunale, l'avvocato - le cui generalità non sono state rese note - ha accusato la popstar e il marito di aver protratto i festeggiamenti fino alle 4 del mattino successivo, provocando uno stress enorme per gli animali ospitati dalla riserva e infrangendo così le leggi locali. Infrazione da punire, questa, con una pena esemplare. Il direttore del parco, tuttavia, ha subito tranquillizzato gli sposi, bollando le accuse del legale come "ridicole".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.