Les Pretres, i preti pop che stanno conquistando l'Europa

Altro che Marilyn Manson e le altre rockstar maledette. Il satanismo non va più di moda: il nuovo successo pop che arriva dalla Francia si chiama Les Pretres, letteralmente "I Preti". E il titolo del loro album d'esordio è tutto un programma: "Spiritus Dei". Il gruppo è un trio composto da tre veri e propri sacerdoti, che hanno deciso di diffondere la parola di Dio attraverso la musica leggera. Il collettivo è formato da Padre Jean-Michel Bardet, Padre Charles Troesch e dal seminarista Dinh Nguyen Nguyen ed è stato creato per iniziativa di Jean-Michel di Falco, arcivescovo francese di Gap ed Embrun. L'obiettivo del progetto è quello di finanziare la costruzione di una chiesa nel dipartimento francese delle Hautes-Alpes e di donare dei computer a una scuola del Madagascar, ma nel frattempo è diventato anche un fenomeno pop dal successo inaspettato.




In Francia l'album "Spiritus Dei" ha sorpreso tutti: oltre 450mila copie vendute (più di 100.000 copie solo nel primo mese) e oltre 250mila visualizzazioni dell'omonimo singolo su YouTube. Ora, forti del successo ottenuto, Les Pretres stanno registrando anche una versione italiana dell'album al Soul Spirit Studio di Marsiglia.
"Aver conquistato tutto questo pubblico ci ha sconvolti e sorpresi" hanno confessato i sacerdoti-popstar alla stampa francese "Se poi il progetto e il messaggio d'amore che portiamo con le nostre canzoni riesce a coinvolgere le persone di tutti le generazioni, questo è ancora meglio".
Il caso dei Les Pretres ricorda molto da vicino quello di The Priests, tre prelati cattolici dell'Irlanda del Nord guidati da Padre Eugene O'Hagan, che lo scorso 2008 hanno portato in vetta alle classifiche il loro debutto omonimo, firmando perfino un contratto con la Sony Music.





 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.