Jimmy Page vince una causa a proposito della morte di John Bonham

Jimmy Page vince una causa a proposito della morte di John Bonham
La rivista inglese "Ministry" ha perso una causa con Jimmy Page. Materia del contendere, un articolo in cui il chitarrista dei Led Zeppelin veniva accusato di aver praticamente contribuito alla morte del batterista del gruppo, John Bonham. Secondo la ricostruzione del giornale, durante gli ultimi istanti della vita di Bonham, Page si era preoccupato più di evitare che gli vomitasse sul letto di casa che non di salvargli la pelle, salvo poi tentare, mentre il batterista era in agonia, un rituale satanico - con tanto di abiti da sacerdote del demonio. Il direttore di "Ministry" ha riconosciuto che la ricostruzione era falsa, ed ha fatto le proprie scuse a Page, che ha annunciato che l’ammontare (imprecisato) del risarcimento per danni verrà devoluto a un ente benefico che si occupa di bambini poveri in Brasile.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.