Sean Parker (Napster, Facebook) diventa azionista di Spotify

Sean Parker, cofondatore di Napster e di Plaxo nonché ex presidente di Facebook, ha investito quasi 15 milioni di dollari in Spotify, aggiudicandosi in cambio una quota azionaria del 5 % nella società svedese. “Il fatto è che dobbiamo accettare che la guerra alla pirateria è un fallimento”, ha spiegato il giovane imprenditore (31 anni a dicembre) parlando a una conferenza a New Orleans. Parker ha aggiunto di aspettarsi che il servizio di streaming debutti negli Stati Uniti entro fine anno (con l’attuale formula “freemium”  o solo a pagamento?).

Diplomato alla Oakton High School nel 1998, l’anno dopo Parker collaborò con Shawn Fanning al lancio di Napster, il primo servizio di file sharing gratuito su larga scala; rassegnate le dimissioni dalla presidenza, svolge tuttora un ruolo di consulenza per Facebook. Nel film “The social network”, grande successo al box office americano, è interpretato da Justin Timberlake.

 

 

Dall'archivio di Rockol - Dieci gruppi italiani dai quali ci si potrebbe aspettare una reunion
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.