New York, in vendita il Chelsea Hotel

New York, in vendita il Chelsea Hotel

Il Chelsea Hotel, leggendario albergo di Manhattan che vide passare tra i muri delle sue camere gran parte della storia del rock, è in vendita: all'epoca della costruzione, avvenuta nel 1883, l'edificio - dichiarato nel 1966 patrimonio artistico - fu il primo dei condomini ad essere edificati nella Grande Mela. L'attuale proprietà della struttura, che ha annunciato ieri l'intenzione di passare la mano, ha fatto sapere che "una nuova proprietà potrebbe rivitalizzare e dare nuova linfa al Chelsea". Attivo come albergo, sotto il controllo delle stesse famiglie, da ormai 65 anni, l'hotel ebbe come ospiti - tra gli altri - Bob Dylan (nella foto) e il pigmalione dei Velvet Underground (che dedicarono alle memorabili serate all'hotel la canzone "Chelsea girl") Andy Warhol: nel 1978 una delle camere ospitò una delle scene più tragiche del rock moderno, che vide il bassista dei Sex Pistols Sid Vicious pugnalare a morte la sua allora fidanzata Nancy Spungen.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.