Fallisce l'ipotesi di fusione tra CDNow e Columbia House

E' fallita la fusione tra CDNow e Columbia House, la società congiunta di vendite dirette di dischi posseduta da Sony e Time Warner. Le due major hanno deciso non creare una nuova compagnia dall'unione delle due già esistenti, ma di investire piuttosto 51 milioni di dollari nella sola CDNow. Il progetto di mettere assieme CDNow e Columbia House risale al luglio del 1999, e sembrava che dovesse andare a buon fine: la nuova compagnia avrebbe avuto "un ruolo rilevante nelle strategie di ecommerce di Sony e Time Warner", secondo una comunicazione ufficiale fornita dalle due major l'estate scorsa.
Il presidente di CDNow, Jason Olim, ha spiegato di essere "certamente rimasto sconcertato per via del fallimento dell'accordo", e di guardare ora "a nuove opportunità strategiche". CDNow comunque resterà vicinissima, è evidente, a Sony e Time Warner - che di recente, come è noto, si è fusa con il colosso America Online.
Dall'archivio di Rockol - I talk show di Rockol per la Milano Music Week: “Il ticketing”
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.