Detroit: Abu Ratib accusato di terrorismo

Abu Ratib, al secolo Mohamad Masfaka (nella foto), celebre cantante di origini siriane da tempo residente negli Stati Uniti e rappresentante - tra il '97 e il '98 - dell'associazione religiosa Holy Land Foundation, è stato arrestato e accusato di favorire il terrorismo islamico: le autorità hanno infatti osservato come l'organizzazione del quale il cantante faceva parte sia stata inserita nel 2001 dal governo di Washington nella lista dei gruppi terroristici, e che l'artista stesso - nella domanda di naturalizzazione inoltrata presso le autorità statunitensi un anno dopo - abbia tenuto nascosta la sua aderenza ad ambienti estremisti.

Le accuse, nello specifico, riguardano presunti finanziamenti girati in quel periodo dalla Holy Land Foundation ad Hamas, organizzazione palestinese di ispirazione islamico-sunnita da anni in conflitto con le autorità israeliane. Se riconosciuto colpevole dei capi d'accusa mossigli, Ratib potrebbe scontare dai dodici ai sedici mesi di detenzione in un prigione federale prima di venire rimpatriato in Siria.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.