T Bone Burnett: 'Internet? I musicisti ne stiano alla larga'

T Bone Burnett: 'Internet? I musicisti ne stiano alla larga'

Il cantautore T Bone Burnett, oggi particolarmente in auge come realizzatore di colonne sonore e produttore  di dischi di impronta “roots” (“Raising sand” di Robert Plant e Alison Krauss, “Junky star” di Ryan Bingham, “The union” di Elton John e Leon Russell, più gli ultimi album di John Mellencamp ed Elvis Costello…) è intervenuto nei giorni scorsi sulla annosa questione del rapporto tra musica e Web, facendo scalpore per i consigli elargiti ai giovani aspiranti musicisti: “State alla larga da Internet”, ha esordito Burnett in occasione della sua partecipazione al Future of Music Coalition Policy Summit di Wahsington. “Non preoccupatevi di caricare la vostra musica su MySpace, perché nel momento in cui lo fate la vostra musica verrà svalutata”.

Intervistato dal sito Hypebot, il sessantaduenne musicista originario di St. Louis (Missouri) ha poi ulteriormente sviluppato e articolato il suo punto di vista: “Per quanto le case discografiche possano avere rubato, rispetto a Internet sono come Robin Hood. Internet è uno strumento poderoso per condividere informazioni ed eccellente per effettuare delle ricerche”, sostiene Burnett. Ma improponibile, aggiunge, dal punto di vista sonoro: “Negli ultimi venti anni la qualità audio della musica registrata è crollata di quasi il 100 per cento… Internet è un medium di qualità estremamente bassa, come dimostra il formato mp3, francamente inascoltabile. Se uno non sente la differenza tra una registrazione su nastro e un mp3, farebbe meglio a non lasciare la sua professione abituale. I musicisti, e il pubblico, meritano di più. Il futuro della musica è analogico. Le chitarre sono analogiche, così come i pianoforti e le batterie. La musica è analogica. E lo siamo anche noi”.

  

 

 

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.