Il poliziotto torna alla carica di George Michael

Il poliziotto torna alla carica di George Michael
Il poliziotto che ha arrestato George Michael non demorde: nonostante il rifiuto del giudice di esaminare la sua richiesta di 20 miliardi di danni per diffamazione, ha annunciato che farà nuovamente causa (e pare che stavolta di miliardi ne voglia 60). Dal momento che alla base del rigetto c’è l’insufficienza di dettagli da parte dell’accusa, l’agente Marcelo Rodriguez ha presentato una memoria un po’ più dettagliata, nella quale scrive: "la controparte era piegata, con la schiena contro la parete della toilette, con i pantaloni completamente calati e chiaramente visibili da chiunque si trovasse in quel luogo, e si stava masturbando". Dopo di che, il cantante "ha tratto profitto a mie spese della cosa con un video in cui due poliziotti di sesso maschile si baciano".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.