Irlanda, il giudice dà ragione al provider che non vuole scollegare i 'pirati'

Dopo avere incassato il rifiuto del provider francese Free a collaborare al programma antipirateria introdotto dalla legge Hadopi (sostanzialmente per motivi di costi), l’industria discografica fa i conti con la sentenza del giudice irlandese Peter Charleton, che ha negato alle major EMI, Sony Music, Universal e Warner Music l’applicazione di un’ingiunzione richiesta nei confronti dell’ISP locale UPC. Quest’ultimo, il terzo fornitore di accessi a banda larga del Paese con una quota di mercato del 15 %, si era a sua volta opposto alla richiesta di scollegare dal servizio i file sharers recidivi, così come prevedono le nuove norme che introducono la procedura di risposta “graduale” alla violazione dei copyright, sostenendo di essere un mero canale di comunicazione senza responsabilità su ciò che i suoi utenti fanno on-line. E il giudice, pur ammettendo che una “quota sostanziosa” dei suoi clienti si scambiano illegalmente materiale coperto da copyright, gli ha dato ragione sostenendo che l’ordinamento irlandese non ha ancora pienamente implementato le direttive europee sulla protezione dei diritti d’autore.

L’esito del processo ha ovviamente insoddisfatto l’associazione dei discografici IRMA, mentre UPC ha precisato di “non giustificare la pirateria” e di essere disposta a cercare con le case discografiche soluzioni alternative al problema: secondo l’Irish Times, rappresentanti dell’industria discografica, dei service providers e del governo si incontreranno a breve per ridiscutere la questione; al momento, l’unico ISP irlandese che ha aderito alla procedura delle “tre infrazioni” (senza tuttavia metterla ancora in pratica) è stato Eircom.

 

 

Music Biz Cafe, parla Francesca Trainini (PMI, Impala)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.