Nuove classifiche italiane: debutto in testa per gli Oasis. Madonna entra al n.1 tra i singoli. Sanremo domina nelle compilation.

Nuove classifiche italiane: debutto in testa per gli Oasis. Madonna entra al n.1 tra i singoli. Sanremo domina nelle compilation.
Album più venduti
La classifica "Top of the music" elaborata per la FIMI da ACNielsen C.R.A. per la settimana che si è chiusa il 2 marzo registra un autentico terremoto dalla prima alla 30ma posizione. Un "effetto Sanremo" che, se non premia in modo eclatante i cantanti in gara, porta numerose novità in classifica e "spazza" alcuni dischi in graduatoria da qualche mese (ad es. Baglioni, Battiato, Morissette) o spinge energicamente nelle posizioni più basse dischi che si erano insediati nella top ten (Cure, Ivano Fossati, Barry White, Red Hot Chili Peppers).
In testa ci sono gli Oasis, con il nuovo "Standing on the shoulder of giants". Alle loro spalle sale Santana (era quarto); Hevia scende dal n.1 al n.3. Si piazza al n.4 "Machina" degli Smashing Pumpkins, nuova entrata così come "Stato di necessità" di Carmen Consoli, prima delle partecipanti al Festival. La segue al n.9 Gigi D’Alessio con "Quando la mia vita cambierà". Entrano al n.11 gli Aqua, e sale al n.12 Sting (era al n.21 prima di cantare a Sanremo). Al n.14 c’è "Come fa bene l’amore" di Gianni Morandi e al n.15 "Raccontami di te" di Marco Masini. I vincitori della rassegna, gli Avion Travel, sono al n.19 con "Selezione 1999-2000". Oltre agli Smashing Pumpkins, l’unica altra "new entry" non legata alla kermesse è "Stiff upper lip" degli AC/DC, che debutta al n.23. Entra al n.29 la nuova versione di "Verde rosso blu" di Irene Grandi, ristampato con l’aggiunta della canzone sanremese.
Al ciclone Sanremo c’è chi risponde benissimo (Santana, che è salito - merito forse dell’eco della vittoria nei Grammy), chi regge all’urto (Guccini, Celentano, Blink-182 e Lunapop che rimangono nella top ten), chi precipita (Fossati dal n.7 al n.16, i Cure dal n.8 al n.17, Lene Marlin dal n.13 al n.21, gli 883 dal n.15 al n.26, George Michael dal n.11 al n.27). Verrebbe poi da parlare di autogol per Antonello Venditti, che era al n.17 prima di partecipare al Festival, e perde posizioni (unico tra i cantanti apparsi a Sanremo) scendendo al n.24. Infine, circa una decina i dischi usciti dalla top 30. I nomi più importanti - nonché più in alto in graduatoria fino a 7 giorni fa - sono quelli di Franco Battiato (era al n.18), Luca Carboni (ex n.19), Litfiba (ex n.22), Claudio Baglioni (ex n.23).

Singoli
E’ durato poco il regno di "Pure shores" delle All Saints, che scende al n.5. La nuova numero uno è "American pie" di Madonna, che debutta davanti a "Sexbomb" di Tom Jones (che si conferma al n.2) e "Cartoon heroes" degli Aqua (stabile al n.3). Nuova entrata anche al n.4: "Stand inside your love" degli Smashing Pumpkins. Prima tra le canzoni in gara a Sanremo, "Tutti i miei sbagli" dei Subsonica, che precede le altrettanto nuove "Bye, bye, bye" degli ‘N Sync e "In bianco e nero" di Carmen Consoli (n.10). Nelle prime venti posizioni entrano anche le proposte sanremesi di Max Gazzé (n.14), Mietta (n.15), Avion Travel (n.16) e Samuele Bersani (n.18). L’alto numero di nuove entrate fa parecchie "vittime", estromettendole dalla top 20; tra queste, gli Eiffel 65 (al n.7 la settimana scorsa) e Lene Marlin (era decima con "Where I’m headed".

Compilation
Come prevedibile, le compilation sanremesi si insediano ai primi due posti in graduatoria: al n.1 c’è quella della Warner Fonit, caratterizzata dalla presenza dei "big" più popolari (Morandi, Spagna...), che precede quella della EMI, che presenta più nomi tra quelli graditi ai giovani (Consoli, Gazzé, Subsonica) ma anche i vincitori Avion Travel. "Pop mania 2000" scivola in buon ordine al n.3, e alle sue spalle non ci sono i grandi mutamenti che caratterizzano le altre due classifiche. La più alta nuova entrata è "Superlatina II", al n.12. Perde due posizioni il disco realizzato da Goran Bregovic con Kayah, ormai consueta anomalia di questa classifica di "compilation" - peraltro, si direbbe che la presenza a Sanremo non abbia giovato al musicista della ex-Jugoslavia.
Dall'archivio di Rockol - Oasis: "la band più grande di Dio"
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.